Parce fa un sito cussì brùt e scrìt cussì maal?!

DIFFICIL SPIEGALU IN POCJIS PERAULITIS e comunque ogni taant Mal soi domandant ancje io! E parce tradusilu ancje un furlàn!?

PABLO & SARUTTE, BALLERINE CUBANE PUI SIMPATIKE E INTELIGJENTE CHE BIELE MA NISSUN ALE’ PERFET…COME PABLO.

Boh! Disin che aie stade une idee di une me CJARE amiee cubane….e mi sameave une biele idee e dopo tantes persones che mi congnosin magari no an ben capiit parceche o vares di lavie dal Friuul; tu as une biele cjase une biele AMIE, tu as dut ceche tu as VOE ma parce vatu vie alore?!

Le Grandissime QUAEEEE!!!

O ai vuut mase fastidis e no mi paar che les robes e làran miglioraant FACILMENTI, ansit…o ai une brute senssassiòn, BRUTE…no diis ceche pensi parceche no ai voe di puartà sfighe, ma o ai vuut une specie di premonissiòn e a chi in Friuul no mi siiint pui al siguur…aie nome une me sensassiòn, ma o ai già fat une volte l’error di no fidami des mes senssasions e soi finiit avonde maal.

El sito forsite lu ai fat in furlan e no in talian parceche io o soi di mare lenghe furlane…forsite alè nome narcisismo ma o ai voe di tentà di condividi alck cun cui che mi cognos e cui che mi cognos nol pensarà forsite “Chel chi alè màt!” Lu vares pensaat ancje io 7 ains fa…

Masse difficil spiegalu cun perales semplices…mase lunk. Ancje parceche o croot che nol sedi facil capilu cun chestes ca che ti cjale in muse…

Mior spiegalu cun tune poesie magari, une facil che e cognosin ducju quancju, che evin studiaat a scuela. Se un al capis el sens di chiste poesie, se alè avonde ILLUMINAAAT par luus riflesse magari e alore nol serf pierdi mase timp in atres spiegasions e io di timp cun che version in furlan de big## a chi, an dai già pierduut masse!

“VUEIT TAL MIEC DI CROOS” 2017 VIGNESE

Ma o speri veramenti che le poesie Vi ispiri….di recità come un MANTRA durant le meditasiòn trascendentaal che o immagini ducju e fasesi prime di la a durmì. Resiprant ben cul part base de pansute, come che fasevin quanche e erin picui…e rilassant partint da lenghe ducju i muscui…

Veiso presint quanche e veis che sensassion di come une luus che Vi si pie tal cjaaf?! completamenti rilassas e sintees chest caloor che si espand dal cjaaf e ti irrore dut el cuarp  ben planckin e ti samee che il to cuarp si fondi e si mesedi cun dut el univers e…

A NO?!

No veis mai provaat?!

🙁

Bon, alore lassin sta, leeisi le poesie, ca’ale mioor:

 

“Cara beltà che amore

Lunge m’inspiri o nascondendo il viso,

Fuor se nel sonno il core

Ombra diva mi scuoti,

O ne’ campi ove splenda

Più vago il giorno e di natura il riso;

Forse tu l’innocente

Secol beasti che dall’oro a nome,

Or leve intra la gente

Anima voli o te la sorte avara

Ch’a noi t’asconde, agli avvenir prepara?

Viva mirarti omai

Nulla spene m’avanza;

S’allor non fosse, allor che ignudo e solo

Per novo calle a peregrina stanza

Verrà lo spirto mio. Già sul novello

Aprir di mia giornata incerta e bruna,

Te viatrice in questo arido suolo

Io mi pensai. Ma non è cosa in terra

Che ti somigli; e s’anco pari alcuna

Ti fosse al volto, agli atti, alla favella

Saria, così conforme, assai men bella.

Fra cotanto dolore

Quanto all’umana età propose il fato,

Se vera e quale il mio pensier ti pinge,

Alcun t’amasse in terra, a lui pur fora

Questo viver beato:

E ben chiaro vegg’io siccome ancora

Seguir loda e virtù qual ne’ prim’anni

L’amor tuo mi farebbe. Or non aggiunse

Il ciel nullo conforto ai nostri affanni;

E teco la mortal vita saria

Simile a quella che nel ciel india.

Per le valli, ove suona

Del faticoso agricoltore il campo

Ed io seggo e mi lagno

Del giovanile error che m’abbandona;

E per li poggi, ov’io rimembro e piagno

I perduti desiri, e la perduta

Speme de’ giorni miei; di te pensando,

A palpitar mi sveglio. E potess’io,

Nel secol tetro e in questo aer nefando,

L’alta specie serbar; che dell’imago,

Poi che del ver m’è tolto, assai m’appago.

Se dell’eterne idee

L’unica sei tu, cui di sensibile forma

Sdegni l’eterno senno esser vestita,

E fra caduche spoglie

Provar gli affanni di funerea vita;

O s’altra TERRA ne’ superni giri

Fra mondi innumerabili t’accoglie,

E più vaga del Sol prossima stella

T’irraggia, e più benigno etere spiri;

Di qua dove son gli anni infausti e brevi,

Questo d’ignoto amante inno ricevi.”

 

PARAFRASI

Cara beltà, che da lontano mi ispiri amore oppure da vicino nascondendo il viso tranne quando mi scuoti il cuore nel sonno come divina immagine, apparizione celeste, o nei campi là dove più splendido risplende il giorno e il riso della natura, dove si può trovare ancora la facoltà perduta delle illusioni; forse tu hai rallegrato il secolo che prende nome dall’oro mentre ora voli tra la gente leggera come un’anima? o proprio te prepara il destino avaro, che ti nasconde ai nostri occhi, a coloro che verranno?

Nessuna speranza ho ormai di ammirarti viva, se non forse quando nudo e solo dopo la morte il mio spirito, libero del corpo, per un nuovo sentiero, cercherà la sua nuova dimora. Già sul primo cominciare di questa mia esistenza incerta e dolorosa, immaginai di avere te come compagna di viaggio in questo arido mondo. Ma su questa terra non c’è nulla che ti somigli; e se anche qualcuna fosse pari a te nel volto, negli atti, nella parola, sarebbe, pur così simile a te, assai men bella.

Eppure, fra tanto dolore, quanto agli uomini ha destinato e prescritto il fato, se qualcuno t’amasse su questa terra così vera e come il mio pensiero ti immagina, per costui questa vita sarebbe beata; e ben chiaramente vedo che l’amore che ti porto mi farebbe ancora seguire lode e virtù come nei primi anni della mia vita. Ma il cielo non ha voluto aggiungere alcun conforto ai nostri affanni; e con te la vita mortale sarebbe simile a quella che nel cielo rende i beati partecipi di Dio.

Per le valli, dove risuona il canto dell’agricoltore oppresso dalla fatica (e l’agricoltore rappresenta simbolicamente la dolorosità dell’esistenza umana), mi siedo e mi lamento del giovanile errore che mi abbandona, l’errore di coltivare le illusioni; e per i poggi, dove io ricordo e piango i perduti desideri e la perduta speranza dei giorni miei; pensando a te, mi sveglio palpitando. E potessi io in questo secolo tetro e oscuro e in questa epoca nefanda che ignora ogni ideale, conservare dentro di me la tua nobile immagine; perché dell’immagine sola mi potrei anche appagare, dopo che quella reale e vera mi è tolta dal destino.

Ma se non è vero che tu sia stata mai viva, neppur nell’età dell’oro, o che ti debbano incontrar sulla terra neppur gli uomini che verranno, nel tempo futuro , e sei una delle eterne idee che Dio (eterno senno) sdegna, facendola restare pura immagine, di rivestire di una forma sensibile e visibile, di un corpo terreno e corruttibile che prova gli affanni dolorosi di una vita mortale; oppure se ti accoglie un’altra terra, un altro pianeta fra gli infiniti mondi dell’universo che costituiscono le lontane galassie (i superni giri) e ti illumina una stella vicina più splendente del Sole e su quella terra spiri un’aria più benigna, ricevi questo inno di ignoto amante da questa terra in cui il corso della vita è breve e infausto e gli anni, nel loro rapido scorrere rendono più inutile lo stesso dolore umano.

Baba Giorgio, un Maestro di Vita une persone spiritualmenti talmenti elevade che o pensi pocjes perones e podin rivà a capilu….io compribduut.

mi displaas ma no vevi nissune foto di Don Domenico e alore o ai metude che di un che i sameave une vore pook ma che al veve disin le stesse capacitaat espressive des soos idees…

….il significaat intrinseco de poesie ale el succo dal me projet, pui o maancul, ma ancje no, dipeent taant des interpretassions personaal e de epigenitiche di ognun di no…e quindi di chesto sito brut e scrit in 3 diis che no ai cjataat nuia di  mioor ce fa, no le che veis di spettasi cuisàce…mioor se lais su iu porn forsite.

CE ATU DI FA CE?!

O se preferei alk di pui nostràn:

« Scjaraçule Maraçule la lusigne e la craçule, la piçule si niçule di polvar a si tacule. O scjaraciule maraçule cu la rucule e la cocule, la fantate je une trapule il fantat un trapulon. (rit: la fantate je une trapule il fantat un trapulon) »

😀

GRANDE DOMENICO!!!
R.I.P.

SE QUALCHI DUN ALA LE VERSION DAI MITILI DI “PARCE SIGNOOR” DI DARIO ZAMPA MI FASI SAVE’ ALK GRASIE IO IU AI SINTUUS A SAN DENEEL, BIELISSIME VERSION!

ALTE VERSION PLUI STRUMENTAAL…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *